RISTRUTTURATO IMPIANTO SANTA GEMMA A CAMAIORE

Informazioni
Contenuto pubblicato il 05-01-2021 alle ore 13:57:12
Sono stati completati da GAIA S.p.A. i lavori di risanamento e potenziamento dell'impianto di pompaggio "Santa gemma" nel Comune di Camaiore. L'impianto, che si trova in località Badia, consente l'alimentazione delle località Misciano (250 abitanti) e Carbonaia (40 abitanti).
La struttura necessitava di opere di manutenzione, che hanno previsto il risanamento di alcuni tratti di rete e della copertura dell'impianto, nonchè  l'installazione di una nuova cisterna di accumulo e di un nuovo impianto di pompaggio, dunque il rifacimento completo della parte idraulica sia interna che esterna.
Inoltre sono state installate le periferiche in grado di collegare l'impianto al sistema di telecontrollo aziendale, permettendo il monitoraggio delle attività dell'impianto da parte della centrale operativa di GAIA, in grado di intervenire in caso di malfunzionamento. Infine, sono stati posizionati dei misuratori di portata all'ingresso e all'uscita dell'impianto, anche questi con lo scopo di gestire la funzionalità del sistema.
 
"Apprezziamo l'operato di GAIA S.p.A. che negli ultimi tempi ha realizzato interventi significativi sul nostro territorio, investendo 2 milioni di euro sull'ampliamento della rete idrica e altre opere sugli impianti del nostro comune". ha dichiarato l'Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Camaiore, Marcello Pierucci.
 
"Impianti di piccole e grandi dimensioni, infrastrutture e reti: abbiamo un ordine di priorità in base alle urgenze nella realizzazione dei lavori, ma, una volta aperto un cantiere, cerchiamo di operare con attenzione e riguardo nei confronti di tutte strutture in gestione. L'impianto di Santa Gemma serve un abitato di quasi 300 persone, lo abbiamo rinnovato e potenziato per poter garantire loro continuità e qualità del servizio." ha dichiarato il Presidente di GAIA, Vincenzo Colle.
 
L'importo dell'investimento da parte del Gestore idrico è stato di circa 50mila euro. I lavori sono iniziati a fine 2019 per poi interrompersi a causa dell'emergenza covid e hanno potuto completarsi ad ottobre scorso.

Stampa