GAIA nelle scuole per la prima campanella

Informazioni
Contenuto pubblicato il 16-09-2021 alle ore 15:52:45 - Contatore visite :683 hits
Il 15 settembre per il suono della prima campanella GAIA è stata in alcune scuole del territorio gestito per dare il benvenuto a tutti gli studenti. In tutto sono quasi 800 le borracce "Marina" consegnate alla scuola primaria di Borgo a Mozzano, la scuola dell'infanzia Il Melograno di Viareggio e le scuole Castagnetola, Turano e Casamicciola di Massa. E il progetto didattico di GAIA è solo all'inizio, l'invito a partecipare è rivolto a tutte le scuole primarie sul territorio inviando una semplice email a eventi @ gaia-spa.it.

 

“Il suono della prima campanella è un momento magico per gli studenti e le loro famiglie ma anche per le istituzioni coinvolte: ci tenevamo a far avere un simbolo della vicinanza del Gestore idrico a tutti i bambini, con l’augurio che il nuovo anno sia sereno e soprattutto libero dalla pandemia” ha dichiarato il presidente di GAIA S.p.A. Vincenzo Colle.

“Essere presenti nelle scuole oggi è per noi molto significativo, non soltanto perché si inaugura un nuovo ciclo di studi– commenta la vicepresidente di GAIA Michela Consigli – ma anche perché speriamo fortemente che il nuovo anno segni una stagione diversa. Sappiamo che i mesi appena trascorsi hanno richiesto ad alunni e insegnanti un notevole sforzo a causa dell’emergenza sanitaria. GAIA vuole far sentire la propria vicinanza soprattutto ai bambini, complimentandosi con loro, dicendo loro "siete davvero bravi" per la pazienza e la scrupolosità con cui hanno seguito finora tutte le prescrizioni normative. Abbiamo anche portato in dono la borraccia “Marina”, simbolo del nostro impegno nelle scuole e magari di buon auspicio per il nuovo anno.”
 
“Siamo qui e simbolicamente in tutte le scuole del territorio per augurare un buon inizio di anno scolastico e invitare tutti a partecipare alla nostra iniziativa didattica "Alla scoperta dell'acqua".– ha dichiarato il Consigliere  Simone Tartarini in visita a Viareggio– Speriamo che quest'anno sia possibile tornare a far visita ai bambini in presenza e non solo in video, per spiegare loro dal vivo i segreti dell'acqua nel nostro ciclo di lezioni che poi in primavera si conclude con la visita ai nostri impianti."

Stampa